san carlo suites - calamosche

Calamosche: l’alternativa siciliana ai Caraibi

Calamosche è indubbiamente tra le spiagge sabbiose più belle della Sicilia. Si trova nella Riserva di Vendicari, a metà strada tra Noto e Pachino, quindi raggiungibile dalla SP 19. Dista un paio di chilometri dal parcheggio custodito in cui si arriva dopo aver percorso una strada sterrata. L’auto si può lasciare in quel parcheggio, pagando una tariffa giornaliera che si aggira sui 3 euro, che comprende anche la possibilità di farsi una doccia. Da lì in poi a Calamosche si giunge solo sui propri piedi, passeggiando per una ventina di minuti tra arbusti di mirto, timo e palme nane, per circa un chilometro e mezzo: il sentiero non presenta molte difficoltà a parte un po’ di scale per scendere sulla spiaggia. Tuttavia, specialmente col sole estivo a picco, è poco consigliabile a chi in genere non è abituato a lunghe camminate.

E se una passeggiatina non vi scoraggia, vi consiglio di entrare dall’ingresso principale di Vendicari, quello in cui si trovano la Tonnara araba e la Torre sveva, per intraprendere un piccolo e poco impegnativo trekking, di poco più di un paio di chilometri, lungo il sentiero interno alla riserva, costeggiando il mare: meraviglioso! A Vendicari è inoltre vietato accedere con imbarcazioni di qualsiasi genere e transitarvi a meno di 200 metri dalla costa. A Calamosche purtroppo non si può in alcun modo arrivare con i mezzi pubblici, perché nessun mezzo pubblico si ferma a Vendicari, nemmeno in estate… Noi siciliani ogni tanto amiamo tirarci la zappa sui piedi. Trovandosi in piena riserva, a Calamosche non ci sono bar, chioschi, cestini per i rifiuti, lidi attrezzati, quindi bisogna mettere in conto, prima di incamminarsi, di dotarsi almeno di un paio di bottiglie d’acqua potabile e di un sacchetto in cui gettare i rifiuti, eventualmente prodotti, da riportare indietro con sé.

Dalla sabbia fine e chiara, la sua spiaggia si estende per poco più di 150 metri tra due scogliere che la riparano dalle correnti, cosicché il mare si presenta generalmente calmo e limpido, e per 50 metri circa in profondità. Anche il fondale, poco profondo, è sabbioso, conferendo al mare sfumature verdi-bluastre. Calamosche è particolarmente indicata a chi pratica lo snorkeling: grotte, cavità e anfratti sottomarini offrono uno spettacolo mozzafiato.

Cala mosche è l’adattamento italiano del dialettale Funnu i musca, ossia Fondo (appezzamento di terreno) della mosca. In realtà con le mosche, almeno oggi, ha poco ha che vedere, nel senso che non ce ne sono sicuramente di più di quante ce ne siano nei paraggi. Non è da escludere che l’originario significato del termine musca sia da riferirsi ad altro.
Nel 2008, la spiaggia di Calamosche entrò in casa degli italiani grazie a un spot pubblicitario in cui i comici Aldo, Giovanni e Giacomo sfidavano a beach volley, sicuri di una facile vittoria, tre ragazze, scommettendo una cena. Finivano così per essere surclassati da Manuela Leggeri, Monica De Gennaro e Veronica Angeloni, campionesse della nazionale italiana di pallavolo.

 

Fonte:

https://www.agricampingsophia.it/calamosche-alternativa-siciliana-caraibi_A_37.html